#115 – Boryeong Mud Festival

Il fango fa bene alla pelle, si sa, rimuove le tossine rendendola più liscia e morbida, rallentandone l’invecchiamento. Tra i migliori al mondo c’è quello estratto dalle piene di mare di Boryeong, che sembra avere speciali proprietà curative. Da qualche anno nella cittadina della Corea del Sud, nella provincia del Chungcheongnam-do, proprio i fanghi sono diventati protagonisti di una festa che attira sempre più turisti ed il cui scopo è quello di promuovere questo prodotto locale. Si tratta del Mud Festival, che si  tiene ogni anno nel mese di Luglio. Durante il quale l’unico scopo dei partecipanti diventa quello di sporcarsi il più possibile, ma sempre con il sorriso sulle labbra. Il Mud Festival  si svolge sulla spiaggia di Daecheon, dove viene trasportato il fango, preso dalle piane di marea circostanti. Qui i partecipanti si ritrovano per provare tutte le attrazioni dell’effimera Mud Festival Land: ci sono piscine per la lotta nel fango, ma anche scivoli con fango e addirittura gare di sci di fondo, ovviamente sul fango.

Tra le competizioni in programma, anche la corsa a ostacoli ed un torneo di calcetto: anche se è superfluo precisarlo. Protagonista il fango anche nella gara di scultura e, per chi vuole esagerare, c’è anche un singolare corso addestramento militare in cui si può imparare a strisciare nel fango. Un grande palco montato sulla spiaggia viene poi usato per spettacoli dal vivo, tra concerti, il concorso per la foto più bella e l’elezione del «Re del fango». A Boryeong non conta quanto ci si sporca, anzi, più lo si fa tornando un po’ bambini, più si entra nello spirito del festival. Senza considerare che il fango ha proprietà curative e che, per pulirsi, basta poi fare un tuffo in mare. E quello che oggi è uno dei maggiori festival della Corea del Sud, finisce poi con un grande spettacolo di fuochi d’artificio.

Le fortune dei fanghi di Boryeong sono iniziate nel 1996, quando fu lanciata sul mercato una serie di cosmetici, dalle creme per la pelle ai saponi al fango, ricavati proprio dal materiale raccolto nelle piene di marea. Per promuovere questi prodotti, e di conseguenza il turismo, le autorità locali pensarono di organizzare un evento che ne facesse provare a tutti le proprietà benefiche. L’idea ha avuto fortuna: senza bisogno di molta pubblicità ma grazie al semplice passaparola, oggi il Mud Festival è uno degli eventi più attesi dell’estate nella porzione di costa coreana affacciata sul Mar Giallo. E l’idea è talmente strana da aver attirato la curiosità di molti stranieri contando oltre 1 milione di partecipanti all’ultima edizione. È il luogo ideale in cui provare tutti i benefici dei fanghi di Boryeong, che avrebbero proprietà terapeutiche superiori anche rispetto a quelli estratti dal Mar Morto, in Israele.

Il fango è un elemento primordiale e l’esperienza di tuffarsi dentro sporcandosi dai piedi alla testa ci riporta inevitabilmente all’essere bambini. Il potersi immergere, sporcare e tuffare in questa poltiglia senza sentirsi gli occhi del giudizio addosso è una sensazione di grande liberazione e di felicità infantile. E quella infantile è la migliore felicità che esista.

#115 - Boryeong Mud FestivalGip